ATREJU17: “È TEMPO DI PATRIOTI”

Roma, Officine Farneto, 22, 23 e 24 settembre

Roma, 19 settembre 2017 – Torna a Roma dal 22 al 24 settembre 2017 il tradizionale appuntamento con Atreju, la storica manifestazione della destra italiana nata nel 1997 nell’alveo del movimento giovanile di An e giunta quest’anno al suo 20esimo anno. La manifestazione prende il nome da Atreju, il protagonista del romanzo “La Storia infinita” di Michael Ende che combatte contro un nemico subdolo che attacca le giovani generazioni e le spoglia di valori ed ideali: le forze del Nulla.

VENERDI' 22 settembre 2017

ore 10:00, Sala Italo Balbo
Congresso nazionale di Gioventù Nazionale. Apertura lavori
Relazione introduttiva: Marco Perissa, presidente nazionale uscente
Presiede il congresso Salvatore Deidda
ore 11.00, sale multiple
Botteghe per l’Italia. Verso il programma per le elezioni politiche
Introduce: Marco Scurria, responsabile nazionale dipartimenti tematici
Presenta: Giovambattista Fazzolari, responsabile programma FdI
Tavoli tematici:
Italia sicura. Immigrazione, legalità, sicurezza
Introduce: Riccardo De Corato
Coordina: Augusta Montaruli
Italia sociale. Welfare, lavoro e pensioni
Introduce: Luciano Passariello
Coordina: Gianni Berrino
Italia in corsa. Imprese e professioni
Introduce: Fausto Orsomarso
Coordina: Marcello Gemmato
Italia amica. Economia, fisco e difesa del contribuente
Introduce: Carlo Ciccioli
Coordina: Tommaso Foti
Italia giusta. Banche e risparmio
Introduce: Franco Zaffini
Coordina: Diego Petrucci
Italia unita. Coesione nazionale e autonomia locale
Introduce: Marco Osnato
Coordina: Gimmi Cangiano
Italia baricentrica. Rapporto con l’Europa, politica estera, italiani nel mondo.
Introduce: Luca Ciriani
Coordina: Paolo Truzzu
Italia bella. Turismo, ambiente, territorio e beni culturali, trasporti
Introduce: Alberico Gambino
Coordina: Gianni Rosa
Italia solidale. Famiglia, sanità e servizi sociali
Introduce: Antonio Guidi
Coordina: Saverio Congedo
Italia nel futuro. Digitalizzazione, nuove tecnologie e snellimento burocratico, scuola,
università
Introduce: Paolo Marcheschi
Coordina: Elena Leonardi
ore 16.00, Sala Italo Balbo
Inaugurazione Atreju 2017
Saluti: Edoardo Arrigo (Presidente cittadino GN Roma), Federico Palla (Presidente regionale
GN Lazio), Massimo Milani (commissario Roma), Marco Marsilio (Coordinatore regionale).
Partecipano: Antonio Giordano (Ufficio di Presidenza), Fabrizio Ghera (Capogruppo Roma
Capitale), Marco Silvestroni (Capogruppo Città metropolitana), Giancarlo Righini
(Capogruppo Regione Lazio).
Presentazione della manifestazione: Francesco Lollobrigida
Coordina: Chiara Colosimo
ore 17.00, Sala Italo Balbo
Campo Aperto, il confronto necessario
Rigenerare. Un’Alleanza di Patrioti per il governo dell’Italia.
Introduce: Ignazio La Russa, presidente Assemblea nazionale FdI
Intervengono:
Gaetano Quagliariello, presidente IDEA
Daniela Santanchè, presidente Noi Repubblicani, Popolo Sovrano
Raffaele Fitto, presidente Direzione Italia
Anna Cinzia Bonfrinsco, senatore Partito Popolare Italiano
Paolo Romani, presidente dei senatori di Forza Italia
Stefano Parisi, Energie per l’Italia
Giovanni Toti, presidente Regione Liguria
Matteo Salvini, segretario Lega Nord
Giorgia Meloni, presidente Fratelli d’Italia
Presenta: Pietro Senaldi, direttore ‘Libero’
Con le vignette di Alessio Di Mauro direttore de “Il Candido”
ore 19.00, Sala Italo Balbo
10 domande a Nello Musumeci, candidato Presidente Regione Siciliana
Intervista Gian Marco Chiocci, direttore ‘Il Tempo’
Introduce Adolfo Urso
ore 19.30
Spazio lib(e)ro, il caffè letterario
Sala Cristoforo Colombo
Presentazione del libro: “Cosa significa oggi essere di destra?: Alla ricerca di un popolo
disperso e di una nazione negata” di Marcello De Angelis
Partecipano: l’autore, Alessandro Giuli (direttore di Tempi), Bruno Murgia (deputato)
Introduce e modera: Andrea Delmastro
Sala Adriano Olivetti
Presentazione del libro “Nazislamismo” di Riccardo Prisciano
Partecipano: l’autore, Walter Rizzetto (deputato), Viviana Beccalossi, assessore ambiente e urbanistica Regione Lombardia
Introduce e modera: Alfredo De Sio
Sala Guglielmo Marconi
Presentazione del libro “Sindacalismo Nazionale: storia narrata da un protagonista” di
Nazzareno Mollicone
Partecipano: l’autore, Marcello Taglialatela (deputato), Luciano Lucarini (editore)
Introduce e modera: Pasquale Viespoli
Sala Grazia Deledda
Presentazione del libro “FUAN- Gli studenti nazionali tra piazze e atenei – (Prima parte:
dai GUF al ‘68) di Alessandro Amorese
Partecipano: l’autore, Massimo Magliaro (giornalista), Raffaello della Bona (fondatore del bagaglino), Achille Totaro (deputato), Andrea Volpi (presidente Azione Universitaria)
Introduce e Modera: Ciro Maschio
ore 20.30, Sala Cristoforo Colombo
Premio Atreju 2017 a Vanessa Ledezma Camero, dissidente venezuelana figlia di Antonio
Partecipano: Marinellys Tremamunno (giornalista venezuelana), Giovanna Petrenga (deputata)
Introduce e modera: Giovanni Donzelli
Ore 21.00 Piazza Luisa Spagnoli
Musica e danze popolari
Davide Van De Sfroos in concerto

SABATO 23 settembre 2017



ore 11.00, Sala Italo Balbo
Campo Aperto, il confronto necessario
Fare. Sindaci d’Italia, Patrioti del territorio.
Introduce: Carlo Fidanza
Saluti: Francesco Baldelli, vicepresidente nazionale ANCI
Testimonianza: Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice
Partecipano: Pierluigi Biondi (L’Aquila), Marco Bucci (Genova), Federico Sboarina (Verona),
Alessandro Tomasi (Pistoia), Maurizio Rasero (Asti), Andrea Romizi (Perugia), Ilaria
Caprioglio (Savona), e i sindaci di Fratelli d’Italia.
Modera: Francesco Acquaroli
ore 15.30, Sala Italo Balbo
L’Italia chiamò, la ricerca necessaria
Vivere. Esperienze e modelli di amore per la propria Terra.
Contributo filmato di Andrea Bocelli
Relazioni:
Michele Ruggiero (pubblico ministero)
Italia contro Golia. Storia del processo contro le agenzie di rating
Carla Cappiello (portavoce Noi Professionisti)
La guerra dei colletti bianchi
Luca Donadel (blogger)
Atto d’accusa agli intoccabili delle ONG
Paolo Capone (segretario generale UGL)
Dentro la trincea del lavoro nel tempo della lotta alla disoccupazione
Marco Bertolini (generale, presidente associazione Paracadutisti)
Come Folgore dal cielo. Appello agli italiani
Alberto Aldegheri (vitivinicoltore)
Il succo della vita. Il vino italiano e la tutela del made in
Diego Fusaro, filosofo
Pensieri e parole sulla sovranità
Letizia Giorgianni (vittima salvabanche)
C’è chi dice no. La rivolta dei truffati dai potenti del sistema bancario
Monsignor Mtanios Haddad (rettore della Basilica di Santa Maria in Cosmedin):
Cristiani dimenticati, la strage che nessuno racconta
Alessandro Meluzzi (psichiatra)
La ragione e la fede, una sintesi irrinunciabile
Luciano Cannito (coreografo)
La grande bellezza. L’Italia e lo spettacolo che potrebbe essere
Presenta: Federico Mollicone
ore 18.00, Sala Italo Balbo
Campo Aperto, il confronto necessario
Difendere. I confini dell’identità e l’ondata migratoria.
Introduce: Fabio Rampelli, Presidente dei Deputati di Fratelli d’Italia
Partecipa Marco Minniti, Ministro dell’interno, intervistato da Mario Giordano (direttore
Tg4) e Gian Micalessin (giornalista)
Con le vignette di Alessio Di Mauro direttore de “Il Candido”
ore 19.30
Spazio lib(e)ro, il caffè letterario
Sala Italo Balbo
“Oshow” L’attualità e la cronaca reinterpretati da Federico Palmaroli
Sala Cristoforo Colombo
“Globalizzazione e nichilismo, Putin e Trump due risposte identitarie”
Partecipano: Gennaro Sangiuliano (vicedirettore TG1, autore), Edmondo Cirielli (deputato),
Giulio Terzi di Sant’Agata (diplomatico).
Introduce e modera: Isabella Rauti
Sala Adriano Olivetti
Presentazione del libro “Crea, Credi, Cambia” di Marco Fioravanti
Partecipano: Marco Fioravanti (autore del libro), Stefano Bertacco (portavoce senatori FdI),
Roberto Anteghini (ex tossicodipendente, collaboratore di “Genitori Oggi”) e Ferdinando
Filotei (piccolo imprenditore vittima del terremoto)
Introduce e modera: Matteo Rosso
Sala Grazia Deledda
Presentazione del libro “Addio Cencelli. Come misurare il merito in politica” di Fabrizio
Santori. Intervengono: l’autore, Massimiliano Cencelli (storico), Gaetano Nastri (deputato),
Renato Besana (giornalista e scrittore).
Introduce e modera: Ernesto Rapani
ore 20.30, Sala Italo Balbo
Diretta dalla Siria
Premio Atreju 2017 a padre Firas Lutfi, vice parroco di San Francesco ad Aleppo
Partecipano: Fausto Biloslavo (giornalista), Alessandro Monteduro (direttore Aiuto alla Chiesa che soffre)
Introduce e modera: Federico Iadicicco
Ore 21.30 Piazza Luisa Spagnoli
Concerto Rino Gaetano band

DOMENICA 24 settembre 2017


ore 09.30, Sala Italo Balbo
Proclamazione del presidente nazionale di Gioventù nazionale
Introducono: Andrea Saponaro, Mario Pozzi, Chiara La Porta, Francesco Di Giuseppe
Relazione di Fabio Roscani, neoeletto Presidente nazionale
“Il futuro è adesso”
ore 11.00, Sala Italo Balbo
Campo aperto, il confronto necessario
Una Patria chiamata Italia: la proposta di Fratelli d’Italia per il governo della nazione
Presenta: Paolo Del Debbio (giornalista e conduttore televisivo)
Relazioni di:
Guido Crosetto (politico, imprenditore, fondatore di FdI, presidente AIAD)
Maurizio Leo (professore ordinario scuola nazionale dell’amministrazione – PCM)
Marcello Veneziani (intellettuale e saggista)
Massimo Gandolfini (neurochirurgo, portavoce del comitato “Difendiamo i nostri figli”)
Relazione conclusiva: Giorgia Meloni
Dopo il termine della manifestazione
ore 15.30, Sala Cristoforo Colombo
Verso il congresso nazionale. Assemblea nazionale di Fratelli d’Italia
Relazioni di: Sergio Berlato, Antonio Iannone, Francesco Torselli, Fabio Scoccimarro,
Filoteo Di Sandro, Paola Frassinetti, Giampiero Cannella, Sandro Pappalardo.

E' TEMPO DI PATRIOTI: TITOLO E TEMA.

“È tempo di Patrioti”: questo il titolo e tema centrale dell’edizione 2017. L’obiettivo è rappresentare l’idea di Patria: non una nostalgica rievocazione storica e risorgimentale, ma un racconto dell’amore per l’Italia nel nostro tempo e dei mille modi in cui si può declinare nella vita quotidiana. Simbolica la scelta della location: le Officine Farneto, gli ex magazzini di casermaggio del Foro Italico utilizzati anche come fabbrica e ora trasformati in uno spazio polifunzionale. Una ex fabbrica per dare voce a quei “patrioti di ogni giorno” ai quali nessuno dà attenzione: studenti, operai, lavoratori precari, giovani coppie, famiglie, imprenditori, professionisti, uomini e donne in divisa, che ogni giorno si rimboccano le maniche e col sudore della loro fronte fanno grande l’Italia nel mondo.

IL VILLAGGIO.

Officine Farneto è la location ideale per ospitare le tante anime di Atreju: dibattiti politici, presentazioni di libri, tavoli tematici, concerti e spettacoli di musica, mostre, stand enogastronomici e aree degustazione con i prodotti tipici regionali italiani. Anche le sale del villaggio riprendono il filo conduttore della kermesse e prendono i nomi da un ‘pantheon’ di patrioti: Italo Balbo, Cristoforo Colombo, Adriano Olivetti, Guglielmo Marconi, Grazia Deledda e Luisa Spagnoli.

I PATRIOTI DI OGGI.

Per raccontare esperienze e modelli di amore per la propria terra 12 testimonial d’eccezione saliranno, sabato 23 settembre alle ore 15.30, sul palco di Atreju. Tra questi: il pm di Trani titolare dell’inchiesta sulle agenzie di rating Michele Ruggiero; il filosofo Diego Fusaro; il blogger che ha documentato il ruolo delle Ong nei flussi migratori Luca Donadel; lo psichiatra Alessandro Meluzzi; l’archimandrita siriano della Chiesa cattolica greco-melchita, monsignor Mtanios Haddad, e il coreografo Luciano Cannito. E ancora: la portavoce di “Noi Professionisti”, Carla Cappiello; il segretario nazionale dell’UGL, Paolo Capone; il generale e presidente dell’Associazione Paracadutisti, Marco Bertolini; un risparmiatore vittima del salva-banche, Letizia Giorgianni. Ospite d’onore il tenore Andrea Bocelli che, in un video-intervista con Giorgia Meloni, parlerà di sé e del suo amore per l’Italia.

IL FUTURO DEL GOVERNO.

Come di consueto il cuore della manifestazione sarà lo spazio dedicato al futuro del governo della Nazione con due appuntamenti principali. Il primo è in programma venerdì 22 settembre alle 17: la padrona di casa e presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, accoglierà nel dibattito “Rigenerare. Un’Alleanza di patrioti per il governo dell’Italia” il segretario della Lega Nord Matteo Salvini; il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti; il presidente di IDEA Gaetano Quagliariello; il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani; il senatore del Partito Liberale Italiano Anna Cinzia Bonfrisco; il presidente di Noi Repubblicani-Popolo Sovrano Daniela Santanchè; il presidente di Direzione Italia Raffaele Fitto; il presidente di Energie per l’Italia Stefano Parisi. Il dibattito è moderato dal direttore di Libero, Pietro Senaldi.

LA NOSTRA PROPOSTA.

Domenica 24 settembre, subito dopo la proclamazione del nuovo presidente nazionale di Gioventù Nazionale Fabio Roscani, sarà il momento del dibattito clou della kermesse intitolato “Una Patria chiamata Italia: la proposta di Fratelli d’Italia per il governo della Nazione”. Dalle 11 il giornalista Paolo Del Debbio presenterà le 4 relazioni programmatiche di Guido Crosetto (Rapporto dell’Italia con l’Europa), Maurizio Leo (Fisco), Marcello Veneziani (Stato e Unità nazionale) e Massimo Gandolfini (Famiglia) e l’intervento conclusivo del presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

CONFRONTO CON IL GOVERNO.

Immancabile il confronto con gli esponenti del Governo su un tema caldo dell’attualità politica. Quest’anno ad accettare l’invito è stato il ministro dell’Interno Marco Minniti che, sabato 23 settembre alle 18, interverrà al dibattito “Difendere. I confini dell’identità e l’ondata migratoria” insieme al direttore del Tg4 Mario Giordano, al giornalista Gian Micalessin e al capogruppo di FdI alla Camera Fabio Rampelli. Nel corso della manifestazione proseguirà la raccolta firme avviata da Fratelli d’Italia contro la proposta di legge sullo Ius soli.

Spazio anche ai Comuni, agli Enti locali e alle imminenti elezioni siciliane con due momenti. Venerdì 22 settembre alle 19 appuntamento con l’intervista del direttore de “Il Tempo”, Gian Marco Chiocci, al candidato presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

I PATRIOTI DEL TERRITORIO.

Sabato 23 settembre alle 11 la tavola rotonda “Fare. Sindaci d’Italia, patrioti del territorio” col sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi; il sindaco de L’Aquila Pierluigi Biondi; il sindaco di Genova Marco Bucci; il sindaco di Verona Federico Sboarina; il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi; il sindaco di Asti Maurizio Rasero; il sindaco di Perugia Andrea Romizi; il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio; il vice presidente nazionale dell’ANCI e sindaco di Pergola, Francesco Baldelli.

Completano il palinsesto della manifestazione 7 presentazioni di libri, la consegna del “Premio Atreju” al vice parroco di San Francesco d’Assisi ad Aleppo padre Firas Lutfi e alla dissidente venezuelana Vanessa Ledezma Camero, e due concerti: venerdì 22 settembre il ritorno sul palco di Atreju del cantautore folk Davide Van De Sfroos e sabato 23 settembre la perfomance live della “Rino Gaetano Band”.

I NUMERI DELL'EDIZIONE 2017.

I numeri dell’edizione 2017: 3 giorni di manifestazione, un villaggio di 1200 mq, oltre 130 tra ospiti e relatori, 7 presentazioni di libri, 2 premi, 2 concerti, 150 volontari provenienti da ogni parte d’Italia, 10 stand enogastronomici.

IL CONGRESSO NAZIONALE DI GIOVENTÙ NAZIONALE.

Durante la tre giorni di Atreju si celebrerà anche il congresso di Gioventù Nazionale, il movimento giovanile di Fratelli d’Italia.

13 anni dopo l’ultimo congresso di Azione Giovani che vide l’elezione alla presidenza di Giorgia Meloni, dopo aver concluso una campagna tesseramento con oltre 10mila iscritti in tutta Italia e la celebrazione dei congressi provinciali e regionali, la giovane destra riparte da Atreju rinnovando la sua classe dirigente con la candidatura a presidente nazionale di Fabio Roscani, 27enne, romano, analista finanziario e con 10 anni di militanza politica alle spalle.

Il movimento giovanile di FdI affronterà venerdì 22 settembre alle 10 nella sua Assemblea nazionale e domenica 24 settembre alle 9.30 con l’intervento conclusivo del neo eletto presidente tutti i grandi temi della gioventù italiana: la crescente disoccupazione giovanile e il mercato del lavoro, i sussidi alle giovani coppie che decidono di formare una famiglia, il sistema scolastico e universitario, la fuga dei cervelli e la mancanza di opportunità, la tutela del nostro ambiente e la lotta alle mafie.

Gioventù Nazionale presenterà un manifesto generazionale che pone al centro una strutturata visione del futuro della nostra Patria. Un futuro che i ragazzi di Gioventù Nazionale iniziano a costruire da oggi da protagonisti della politica italiana.

IL “PREMIO ATREJU”.

Il “Premio Atreju” è dedicato a uomini e donne che, in ambiti diversi, hanno dimostrato talento, coraggio e spirito di libertà fuori dal comune. Scienziati, sportivi, artisti, militari, imprenditori, uomini delle Istituzioni hanno ricevuto in passato questo riconoscimento. Quest’anno la scelta è ricaduta su due personaggi particolarmente simbolici per accendere i riflettori sulla persecuzione dei cristiani nel mondo e sulla situazione difficile che sta vivendo il Venezuela.

Venerdì 22 settembre, alle 20.30, consegna del “Premio Atreju” a Vanessa Ledezma Camero. Vanessa è figlia dell’ex sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, ora agli arresti domiciliari in quanto oppositore politico del regime di Maduro in Venezuela ed è da cinque anni in esilio in Italia per proteggere le due figlie.

Sabato 23 settembre, alle 20.30, consegna del “Premio Atreju” a padre Firas Lutfi. Francescano della Custodia di Terra Santa e vice parroco della parrocchia di San Francesco d’Assisi ad Aleppo, è uno dei testimoni più fedeli della guerra siriana e della difficile condizione dei cristiani in Medio Oriente.

NON SOLO POLITICA: ATREJU È GOLIARDIA E IRONIA.

Atreju non è solo politica, ma anche goliardia e ironia: due ingredienti che hanno fatto la fortuna della manifestazioni precedenti e che ben ne raccontano lo stile energico e irriverente. Memorabili alcuni scherzi ai relatori, dalla richiesta d’aiuto del fantomatico popolo kaziro rivolta a Gianfranco Fini ai problemi dell’inesistente borgata Pinarelli sottoposti all’allora sindaco di Roma, Walter Veltroni.

L’edizione 2017 dedica uno spazio ad una star della satira sul web e sui social network: Federico Palmaroli, alias “Le migliori frasi di Osho”, che sabato 23 settembre alle 19.30 condurrà il format irriverente e fuori dagli schemi “Oshow” per reinterpretare attualità e cronaca.

SPAZIO LIB(E)RO, IL CAFFÈ LETTERARIO.

Nel villaggio di Atreju trova spazio, come ogni anno, l’approfondimento culturale e non mancano le presentazioni di libri, che diventeranno occasioni per approfondire temi storici, culturali o di stretta attualità.

Sono in totale 7 le presentazioni in programma nelle giornate di venerdì 22 e sabato 23:

  • “Cosa significa oggi essere di destra? Alla ricerca di un popolo disperso e di una nazione negata” di Marcello De Angelis;
  • “Nazislamismo” di Riccardo Prisciano;
  • “Sindacalismo Nazionale: storia narrata da un protagonista” di Nazzareno Mollicone;
  • “FUAN-Gli studenti nazionali tra piazze e atenei (Prima parte: dai GUF al ‘68)” di Alessandro Amorese;
  • “Globalizzazione e nichilismo, Putin e Trump due risposte identitarie” di Gennaro Sangiuliano;
  • “Crea, Credi, Cambia” di Marco Fioravanti;
  • “Addio Cencelli. Come misurare il merito in politica” di Fabrizio Santori.

I CONCERTI.

All’approfondimento culturale si unisce l’intrattenimento: Atreju, infatti, è anche musica e spettacolo. Come ogni anno, artisti del panorama italiano si esibiranno sul palco della kermesse. Due gli spettacoli in calendario entrambi ad ingresso libero.

Venerdì 22 settembre, alle 21.00, il palco di Atreju ospita il cantautore folk Davide Van De Sfroos. Storie e personaggi d’acqua saranno i protagonisti dell’appuntamento live dell’artista nato a Monza e cresciuto sul lago di Como. Quello di Van De Sfroos è un ritorno ad Atreju dopo il concerto del 2011 (a pochi mesi dalla partecipazione al Festival di Sanremo) e all’interno di un calendario di eventi dedicati al 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. Non mancheranno, durante il concerto, la sempre gettonata “Pulenta e Galena Fregia”, il tormentone sanremese “Yanez” e l’intensa “Hoka Hey”.

Sabato 23 settembre, alle 21.30, Atreju accoglie il concerto della “Rino Gaetano Band”, la cover band che ha rivisitato e arrangiato alcune tra le più belle canzoni del geniale cantautore calabro-romano scomparso oltre 30 anni fa. I cantanti Alessandro, nipote di Rino, e Ivan Almadori, con la collaborazione di Anna Gaetano, sorella del cantante, portano in scena con altri 4 musicisti un emozionante spettacolo-memorial che si articola tra i più grandi successi del cantante, diapositive inedite e filmati del cantautore. Lo spettacolo sarà un’occasione indimenticabile per i tantissimi fan che ancora amano e ascoltano Rino Gaetano ma soprattutto un modo per far ascoltare la sua musica anche alle persone che non lo hanno mai incontrato artisticamente, per cantare le sue canzoni piene di ironia e buoni sentimenti. Da qualche anno “Rino Gaetano” è anche un’associazione che ha creato il raduno nazionale dei fan, che si svolge come di consueto a Piazza Sempione in Roma, a pochi passi da dove ha vissuto il cantautore.

ATREJU UNA FESTA APERTA A TUTTI.

Atreju è una festa dedicata a tutti coloro che, dalla cultura al sociale, dallo sport alla politica, vivono ogni giorno la sfida del fare. Il suo palco ha ospitato personaggi di grande notorietà, di forte impatto sociale, culturale e politico, esponenti di tutti i partiti e di tutte le coalizioni, nel rispetto delle idee e delle differenze, promuovendo un confronto a 360° per la crescita dell’Italia. Celebre fu il dibattito nell’edizione del 2006 tra Gianfranco Fini, allora leader di Alleanza Nazionale, e Fausto Bertinotti, all’epoca massimo esponente di Rifondazione Comunista e Presidente della Camera dei Deputati. Una giornata che segnò un momento straordinario per la politica nazionale, perché fu la prima volta che il leader di un partito dichiaratamente comunista accettò di partecipare come ospite a una festa organizzata da giovani della destra italiana.

Ma a calcare la scena di Atreju sono state le più alte personalità del mondo della politica, del giornalismo, dell’imprenditoria, della cultura, della scienza, dello sport. Partecipazioni che hanno accreditato Atreju come un luogo aperto al confronto tra visioni del mondo diverse, senza per questo rinunciare ad una precisa identità.

Berlusconi, D’Alema, Schifani, Violante, Veltroni, Guido Bertolaso, Oscar Giannino, Franco Malerba, Antonino Zichichi, Stefano Zecchi, Federica Pellegrini, Antonio Rossi, Marcello Veneziani, Gianantonio Stella, e poi ministri, presidenti di regione, sindaci, segretari di partito e delle organizzazioni sindacali, esponenti del terzo settore e altissime personalità religiose come Monsignor Ruini e Monsignor Fisichella, sono i personaggi che in questi anni si sono succeduti sul palco di Atreju. Anche le esibizioni di tanti artisti hanno accompagnato le serate della manifestazione: Davide Van De Sfroos, Max Pezzali, Mogol, Katia Ricciarelli, Enrico Ruggeri, Mario Biondi, Maurizio Battista, Giovanni Lindo Ferretti sono solo alcuni dei nomi intervenuti.

SCARICA PROGRAMMA ATREJU 2017 testo

SCARICA PROGRAMMA ATREJU 2017 grafico